Reumatologia
Cardiologia.net
Neurologia

Emboli cerebrali dopo ablazione endocardica del ventricolo sinistro


L’ablazione con catetere per la tachicardia ventricolare e complessi ventricolari prematuri ( PVC ) è comune.
L’ablazione transcatetere della fibrillazione atriale è associata a un rischio di embolia cerebrale attribuito alla cardioversione e a numerose lesioni da ablazione nell'atrio sinistro a bassa gittata, ma il rischio embolico cerebrale nella ablazione ventricolare non è stato valutato.

Sono stati arruolati 18 pazienti consecutivi che soddisfacevano i criteri di studio previsti per la tachicardia ventricolare o l'ablazione dei complessi ventricolari prematuri nel corso di un periodo di 9 mesi.

I pazienti sottoposti ad ablazione ventricolare sinistra sono stati confrontati con un gruppo di controllo sottoposto solo ad ablazione ventricolare destra.

Sono stati esclusi i pazienti con defibrillatori impiantabili o pacemaker permanenti.

L’energia a radiofrequenza è stata utilizzata per l'ablazione in tutti i casi e l’Eparina è stata somministrata con tempi di coagulazione da 300 a 400 secondi per tutte le procedure riguardanti il ventricolo sinistro.

La risonanza magnetica cerebrale pre-procedurale e post-procedurale è stata eseguita su ogni paziente entro una settimana dall’ablazione.

Gli infarti embolici sono stati definiti come nuovi focolai di ridotta diffusione e alta intensità di segnale alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ) cerebrale FLAIR ( Fluid Attenuated Inversion Recovery ) di una distribuzione vascolare.

L'età media era di 58 anni, la metà dei pazienti era rappresentata da uomini, la metà aveva una storia di ipertensione, e la maggior parte non aveva malattia vascolare nota o insufficienza cardiaca.

L’ablazione del ventricolo sinistro è stata eseguita in 12 pazienti ( tachicardia ventricolare, n=2, complessi ventricolari prematuri, n=10 ) e l’ablazione del ventricolo destro è stata eseguita esclusivamente in 6 pazienti ( tachicardia ventricolare, n=1, complessi ventricolari prematuri, n=5 ).

7 pazienti ( 58% ) sottoposti ad ablazione del ventricolo sinistro hanno avuto in totale 16 emboli cerebrali, in confronto con nessun paziente sottoposto ad ablazione del ventricolo destro ( P=0.04 ).

7 degli 11 pazienti ( 63% ) sottoposti a un approccio retrogrado al ventricolo sinistro hanno sviluppato almeno 1 nuova lesione cerebrale.

In conclusione, più della metà dei pazienti sottoposti di routine a procedure di ablazione del ventricolo sinistro ( in particolare ablazioni dei complessi ventricolari sinistri ) ha presentato nuovi emboli al cervello dopo la procedura.
La ricerca futura è fondamentale per capire le conseguenze a lungo termine di queste lesioni e per determinare le strategie ottimali per evitarle. ( Xagena2017 )

Whitman IR et al, Circulation 2017; 135: 867-877

Cardio2017



Indietro