Cardiologia.net
Reumatologia
Ematologia.net

Fibrillazione atriale di nuova insorgenza post-intervento chirurgico per cancro esofageo e giunzionale: fortemente associata a complicanze, sepsi principalmente respiratoria e infiammazione sistemica


Uno studio di coorte retrospettivo da un database prospettico ha valutato la fibrillazione atriale di nuova insorgenza post-operatoria in pazienti con tumore esofageo e giunzionale.

La fibrillazione atriale è comune dopo procedure chirurgiche toraciche e dell'esofago. L’intero spettro di fattori di rischio, associazioni, e implicazioni non sono ben definiti.

Sono stati studiati tutti i pazienti sottoposti a terapia multimodale o intervento chirurgico con intento curativo dal 2006 a metà del 2013.
La fibrillazione atriale di nuova insorgenza è stata registrata in modo prospettico.
I fattori di rischio, la gestione e la risoluzione, l’associazione con altre complicanze, e l'impatto sulla mortalità ospedaliera e gli esiti oncologici nel lungo periodo sono stati esaminati in una analisi di coorte in modo retrospettivo.

Un totale di 473 pazienti ( età media: 63 anni; 73% maschi ) sono stati sottoposti a resezione, 51% stadio 2, 18% stadio 3, 12% transiatale, e 19% gastrectomia totale estesa.

Novantasei ( 20% ) pazienti hanno sviluppato fibrillazione atriale di nuova insorgenza nel 18%, 27%, 29%, e nel 14%, rispettivamente, delle coorti stadio 2, stadio 3, transiatale, e gastrectomia totale estesa ( p = 0.05 ).

Fattori predisponenti per la fibrillazione atriale erano età, diabete mellito, terapia neoadiuvante, e storia di cardiopatia ( P inferiore a 0.05 ); la fibrillazione atriale era significativamente ( P inferiore a 0.0001 ) associata a polmonite, versamento pleurico con richiesta di drenaggio, e massimi livelli di proteina C-reattiva ( CRP ) postoperatoria ( P inferiore a 0.05 ), ma non con necrosi del condotto / perdita anastomotica o con la mortalità.

L’Amiodarone ( Cordarone ) è stato il trattamento primario nel 63% dei casi, 1% sottoposto a cardioversione, e il 92% era in ritmo sinusale alla dimissione.

A un follow-up mediano di 40 mesi ( 7-109 mesi ), la sopravvivenza mediana è stata di 40 mesi versus 53 mesi, rispettivamente, nelle coorti fibrillazione atriale e non fibrillazione atriale ( p = 0.353 ).

In conclusione, la fibrillazione atriale di nuova insorgenza è comune, correlata a età, diabete mellito, malattie cardiache, e alla terapia neoadiuvante.
La fibrillazione atriale è fortemente associata a complicanze, principalmente sepsi a livello respiratorio e infiammazione sistemica.
Nella maggior parte dei casi, l’aritmia sopraventricolare si è risolta, senza alcun impatto sui risultati oncologici. ( Xagena2014 )

Mc Cormack O et al, Ann Surg 2014; 260: 772-778

Cardio2014 Onco2014 Chiru2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro