Reumatologia
Mediexplorer
Cardiologia.net

Fibrillazione atriale: il controllo del ritmo non è superiore al controllo della frequenza negli esiti clinici


Per i pazienti con fibrillazione atriale nel Registro ORBIT-AF, il controllo del ritmo non è risultato superiore al controllo della frequenza negli esiti clinici, ma era associato a una maggiore ospedalizzazione per cause cardiovascolari.

Gli studi clinici randomizzati non hanno evidenziato una differenza nei risultati clinici tra i pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a controllo del ritmo rispetto a controllo della frequenza, ma ci sono pochi studi che hanno messo a confronto le strategie nella pratica del mondo reale.

Sono stati analizzati 6.988 pazienti del Registro ORBIT-AF ( età media, 74 anni; 56% uomini ).
I pazienti sono stati stratificati per strategia di trattamento ( controllo del ritmo o controllo della frequenza ) e valutati per diversi esiti.

Il follow-up è stato di 2.3 anni.

In una analisi non-aggiustata, rispetto al controllo della frequenza, il controllo del ritmo è risultato associato a una minore mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR = 0.65; IC 95%, 0.55-0.77 ), morte cardiovascolare ( HR = 0.69; IC 95%, 0.52-0.93 ), primo ictus / embolie sistemiche / TIA ( HR = 0.73; IC 95%, 0.56-0.97 ), mortalità / primo ictus / embolie sistemiche / TIA ( HR = 0.69; IC 95%, 0.6-0.8 ) e sanguinamento maggiore ( HR = 0.78 ; IC 95%, 0.66-0.92 ), ma a una maggiore ospedalizzazione per cause cardiovascolari ( HR=1.22; IC 95%, 1.09-1.37 ).

Tuttavia, dopo aggiustamenti, le differenze tra i gruppi negli esiti clinici non sono risultate più statisticamente significative, ad eccezione della più alta incidenza di ricoveri per cause cardiovascolari ( HR=1.24; 95% CI, 1.1-1.39 ) e di ospedalizzazione cardiovascolare o mortalità ( HR=1.16; IC 95%, 1.05-1.29 ) riscontrata con il controllo del ritmo rispetto al controllo della frequenza.

Dallo studio è emerso che i pazienti sottoposti a controllo del ritmo vanno incontro a un numero maggiore di ricoveri per cause cardiovascolari, probabilmente correlati alle ospedalizzazioni per i cambiamenti del trattamento farmacologico antiaritmico o per l’esecuzione delle procedure come cardioversione, ablazione transcatetere.
Questi risultati confermano le raccomandazioni delle attuali lineeguida, per le quali l'indicazione principale della terapia per il controllo del ritmo è la riduzione dei sintomi e il miglioramento della qualità di vita. ( Xagena2016 )

Fonte: JACC Clinical Electrophysiology, 2016

Cardio2016 Farma2016


Indietro