OncologiaMedica.net
Reumatologia
Mediexplorer

Fibrillazione atriale persistente: approcci alla ablazione con catetere


L'ablazione transcatetere è meno efficace per la fibrillazione atriale persistente rispetto alla fibrillazione atriale parossistica.
Le linee guida suggeriscono che sia necessaria una modifica del substrato adiuvante oltre all'isolamento della vena polmonare nella fibrillazione atriale persistente.

Sono stati randomizzati 589 pazienti con fibrillazione atriale persistente alla sola ablazione con l'isolamento della vena polmonare ( 67 pazienti ), isolamento della vena polmonare più ablazione degli elettrogrammi che mostrano attività frazionata complessa ( n=263 ), oppure isolamento della vena polmonare più ablazione lineare lungo il tetto dell'atrio sinistro e l'istmo della valvola mitrale ( n=259 ).

La durata del follow-up è stata di 18 mesi.

L'end point primario era la libertà da ogni recidiva documentata di fibrillazione atriale di durata superiore a 30 secondi dopo una singola procedura di ablazione.

Il tempo della procedura è stato significativamente più breve per l'isolamento della vena polmonare da solo rispetto alle altre due procedure ( P minore di 0.001 ).

Dopo 18 mesi, il 59% dei pazienti assegnati all’isolamento della vena polmonare da solo era libero da fibrillazione atriale ricorrente, rispetto al 49% dei pazienti assegnati all’isolamento della vena polmonare più ablazione dell'elettrogramma complesso e al 46% dei pazienti assegnati a isolamento della vena polmonare più ablazione lineare ( P=0.15 ).

Non ci sono state differenze significative tra i tre gruppi nemmeno per gli endpoint secondari, compresa la libertà da fibrillazione atriale dopo due procedure di ablazione e l'assenza di qualsiasi aritmia atriale.

Le complicanze hanno incluso tamponamento ( n=3 ), ictus o attacco ischemico transitorio [ TIA ] ( n=3 ) e fistola atrio-esofagea ( n=1 ).

In conclusione, tra i pazienti con fibrillazione atriale persistente, non è stata trovata alcuna riduzione del tasso di fibrillazione atriale ricorrente quando è stata eseguita l'ablazione lineare o l'ablazione degli elettrogrammi frazionati complessi, oltre all'isolamento della vena polmonare. ( Xagena2015 )

Verma A et al, N Engl J Med 2015;372:1812-1822

Cardio2015



Indietro