OncoGinecologia.net
Gastroenterologia.net
Neurologia

I pazienti con fibrillazione atriale avanzata non beneficiano dall’ablazione del plesso gangliare


L’ablazione del plesso gangliare durante la chirurgia toracoscopica non fornisce un miglioramento del ritmo cardiaco e può causare complicazioni nei pazienti con fibrillazione atriale avanzata.
Nei pazienti con forma avanzata di fibrillazione atriale l’isolamento della vena polmonare di solito non è sufficiente.

Tuttavia, l’ablazione del plesso ganglionico è risultata associata ad eccesso di sanguinamento maggiore periprocedurale, disfunzione del nodo del seno e impianto di pacemaker.

Nello studio AFACT, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 240 pazienti ( età media 60 anni, 73% uomini; 59% con fibrillazione atriale persistente ) all’ablazione del plesso gangliare ( n=117 ) o a nessuna ablazione ( n=123 ) dopo aver subito isolamento della vena polmonare o isolamento della vena polmonare oltre a lesioni lineari.
La durata media della fibrillazione atriale era di 5 a 6 anni.

Il follow-up con monitoraggio ECG e Holter-24 ore è stato effettuato ogni 3 mesi per 1 anno.

L'aggiunta della ablazione del plesso gangliare ha portato a una eliminazione del 100% della stimolazione ad alta frequenza indotta dalle risposte vagali evocate contro l’87% dell'attività vagale residua nel gruppo di controllo.
Questo era a favore dell'ablazione selettiva del plesso gangliare.

Alla fine del follow-up, 4 pazienti appartenenti al gruppo ablazione del plesso gangliare sono morti contro nessuno nel gruppo di controllo, ma nessuno di questi decessi era correlato alla procedura ( P=0.055 ).

Non è emersa alcuna differenza nella libertà da recidiva di fibrillazione atriale nei pazienti trattati con l'ablazione del plesso gangliare o quelli trattati senza di esso ( pazienti con fibrillazione atriale parossistica: gruppo ablazione, 80%; gruppo controllo, 74.5%; P = 0.6; pazienti con fibrillazione atriale persistente: gruppo ablazione, 65.7%; gruppo controllo, 62.9%; P = 0.9 ).

Nove eventi emorragici maggiori, di questi uno ha richiesto sternotomia, si è verificato nel gruppo ablazione contro nessuno nel gruppo controllo ( P inferiore a 0.001 ).
La disfunzione del nodo del seno si è verificata in 12 soggetti sottoposti ad ablazione del plesso gangliare e in 4 controlli ( P=0.038 ).
Inoltre, 6 impianti di pacemaker sono stati effettuati nel gruppo ablazione del plesso gangliare ( 5%; P=0.013 ).

Dallo studio è emerso che l’ablazione toracoscopica del plesso gangliare non conferisce alcun beneficio in questo studio, e nessun beneficio in nessuna delle sottoanalisi.
L’ablazione del plesso gangliare è significativamente associata a gravi eventi avversi.
Pertanto, l'ablazione del plesso gangliare non deve essere eseguita nei pazienti con fibrillazione atriale. ( Xagena2016 )

Fonte: Heart Rhythm Society ( HRS ) Annual Meeting, 2016

Cardio2016



Indietro