Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Edoxaban versus Enoxaparina - Warfarin nei pazienti sottoposti a cardioversione della fibrillazione atriale


Edoxaban ( Lixiana ), un inibitore orale del fattore Xa, è non-inferiore per la prevenzione di ictus e embolia sistemica nei pazienti con fibrillazione atriale ed è associato a una minore incidenza di sanguinamento rispetto alla terapia con Warfarin ( Coumadin ) ben-controllato.
Sono disponibili pochi dati sulla sicurezza di Edoxaban nei pazienti sottoposti a cardioversione elettrica.

È stato effettuato uno studio multicentrico, prospettico, randomizzato, in aperto, di valutazione in cieco, ENSURE-AF ( Edoxaban versus enoxaparin–warfarin in patients undergoing cardioversion of atrial fibrillation ) in 239 Centri in 19 Paesi di confronto tra Edoxaban 60 mg al giorno con la combinazione di Enoxaparina e Warfarin nei pazienti sottoposti a cardioversione elettrica della fibrillazione atriale non-valvolare.

La dose di Edoxaban è stata ridotta a 30 mg al giorno se erano presenti uno o più fattori ( clearance della creatinina 15-50 ml/min, basso peso corporeo uguale o inferiore a 60 kg, o uso concomitante di inibitori della P-glicoproteina ).
La randomizzazione è stata stratificata in base all’approccio della cardioversione ( ecocardiografia transesofagea [ TEE ] o no ), all’esperienza di anticoagulazione, alla dose di Edoxaban selezionata, e alla regione.

L'endpoint primario di efficacia era un composito di ictus, evento embolico sistemico, infarto miocardico e mortalità cardiovascolare, analizzati per intention-to-treat.
L'endpoint primario di sicurezza era sanguinamento non-maggiore ma clinicamente rilevante, e sanguinamento maggiore nei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Il follow-up è stato di 28 giorni con il farmaco in studio dopo la cardioversione più 30 giorni di tempo per valutare la sicurezza.

Tra il 2014 e il 2015, 2.199 pazienti sono stati arruolati e assegnati casualmente a ricevere Edoxaban ( n=1.095 ) oppure Enoxaparina-Warfarin ( n=1.104 ).
L'età media era di 64 anni e il punteggio medio CHA2DS2-VASc era di 2.6.
Il tempo medio nel range terapeutico con Warfarin era 70.8%.

L'endpoint primario di efficacia si è verificato in 5 pazienti ( inferiore a 1% ) nel gruppo Edoxaban rispetto a 11 ( 1% ) nel gruppo Enoxaparina-Warfarin ( odds ratio, OR=0.46 ).

L'endpoint primario di sicurezza si è verificato in 16 pazienti su 1.067 ( 1% ) trattati con Edoxaban rispetto a 11 pazienti su 1.082 ( 1% ) trattati con Enoxaparina-Warfarin ( OR=1.48 ).

I risultati erano indipendenti dalla strategia guidata dalla ecocardiografia transesofagea e dalla anticoagulazione.

ENSURE-AF è il più grande studio clinico randomizzato, prospettico, di terapia anticoagulante per la cardioversione dei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.
I tassi di emorragia maggiore ed emorragia non-maggiore ma clinicamente importante, e di tromboembolia sono risultati bassi nei due gruppi di trattamento. ( Xagena2016 )

Goette A et al, Lancet 2016; 388: 1995-2003

Cardio2016 Emo2016 Farma2016


Indietro