Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
XagenaNewsletter

Fibrillazione atriale subclinica nei pazienti anziani


Il monitoraggio elettrocardiografico continuo a lungo termine ha mostrato una sostanziale prevalenza di fibrillazione atriale asintomatica subclinica nei pazienti con pacemaker e nei pazienti con ictus criptogenetico.
Non è noto se la fibrillazione atriale subclinica sia comune anche in altri pazienti senza queste condizioni.

Sono stati impiantati dispositivi di monitoraggio elettrocardiografico sottocutanei ( St. Jude CONFIRM-AF ) nei pazienti di età a partire da 65 anni che frequentavano cliniche cardiovascolari o neurologiche che non avevano una storia di fibrillazione atriale ma avevano una delle seguenti condizioni: punteggio CHA2DS2-VASc di 2 o superiore, apnea nel sonno o indice di massa corporea superiore a 30 kg/m2.

L'idoneità ha richiesto anche allargamento atriale sinistro ( 4.4 cm o superiore o volume uguale o superiore a 58 ml ) o aumento nel siero del frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP; uguale o maggiore di 290 pg/ml ).

I pazienti sono stati monitorati per fibrillazione atriale subclinica della durata di 5 minuti o superiore.

256 pazienti sono stati seguiti per 16.3 mesi.
L'età al basale era di 74 anni; il punteggio medio CHA2DS2-VASC era di 4.1; il diametro atriale sinistro medio 4.7 cm; e il 48% aveva avuto un precedente ictus, un attacco ischemico transitorio o una embolia sistemica.

La fibrillazione atriale subclinica uguale o maggiore di 5 minuti è stata rilevata in 90 pazienti ( tasso di rilevamento, 34.4% per anno ).

I predittori basali di fibrillazione atriale erano età avanzata ( hazard ratio per decennio, HR=1.55 ), dimensione atriale sinistra ( HR per centimetro di diametro, 1.43 ) e pressione arteriosa ( HR per 10 mm Hg, 0.87 ), ma non un precedente ictus.

Il tasso di fibrillazione atriale nei pazienti con una storia di ictus, embolia sistemica o attacco ischemico transitorio ( TIA ) è stato del 39.4% per anno rispetto al 30.3% per anno nei pazienti senza ( P=0.32 ).

Il tasso di rilevamento cumulativo di fibrillazione atriale subclinica è stato più alto ( 51.9% per anno ) nei pazienti con volume atriale sinistro superiore al valore mediano di 73.5 ml.

In conclusione, la fibrillazione viene spesso rilevata mediante monitoraggio elettrocardiografico continuo nei pazienti anziani senza una storia di fibrillazione atriale che frequentano le cliniche ambulatoriali di cardiologia e neurologia.
Il suo significato clinico non è chiaro. ( Xagena2017 )

Healey JS et al, Circulation 2017; 136: 1276-1283

Cardio2017 Neuro2017



Indietro